Blogger For Flair at Fashion in Flair 14 ottobre 2017 

Ecco il mio primo articolo dedicato a “Fashion in Flair”, in particolare al premio Blogger For Flair che abbiamo  assegnato sabato 14 ottobre .

Non è stato facile scegliere solo uno tra i moltissimi prodotti presenti, diversi sia per stile che per idee e soprattutto per la loro storia…

…si, perchè se qualcosa accomuna tutti gli oggetti presenti in questa splendida fiera di alto artigianato è sicuramente la storia che si cela dietro ogni prodotto che non è  solo quello che appare ma ha un qualcosa in più…..quel qualcosa in più che noi abbiamo voluto scoprire girando tra gli stand degli espositori e facendo molte domande.

..ed il premio Blogger For Flair è stato assegnato proprio a delle creazioni che di storia ne hanno veramente tanta e rappresentano il giusto connubio tra modernità e tradizione : la collezione “ Su il sipario” di Daniela Nanni ispirata al museo dei Teatrini in Miniatura Don Giovanni Guidi di Orosei .

Collane e creazioni in argento, rame e porcellane raffiguranti dettagli che richiamano il mondo del teatro per un risultato moderno intrinseco di storia. 

Tantissimi complimenti a Daniela che si merita davvero  questo premio  per le sue splendide creazioni delle quali ci ha parlato con tanta  passione !!!

Purtroppo non mi è possibile parlare di tutti gli altri espositori presenti perchè un solo articolo non basterebbe ( ed in effetti ne farò sicuramente anche un altro dedicato alle borse e ai miei acquistini e cercherò di condividere più foto possibile ) ma prima vorrei segnalare quelli che più mi hanno colpito per il mio gusto personale e per la loro originalità

Ormai chi mi conosce sà che adoro il Giappone (non solo il sushi e i prodotti kawaii) ma anche il loro stile di vita, il loro rapporto con la natura e i loro materiali pregiati.  Con molto piacere questo tema orientale era molto presente tra gli espositori della fiera .

Allo stand Metella Capri Cruciani ho potuto ammirare dei bellissimi kimono originali provenienti dal Giappone e stole in seta ricavate da parti di altri kimono, con un ottima scelta di abbinamenti di colori e di fantasie oltre che di altissima qualità. Molto bella poi la polarità dei prodotti di questa espositrice che proponeva anche delle collane belle e originali realizzate con prodotti africani di alta qualità minuziosamente selezionati.

Forte impronta orientale anche da Elena Rusconi e i suoi bijoux realizzati con splendidi tessuti, alcuni dei quali rifiniti con elementi neri e laccati.

Infine si ritrova la forma del kimono anche da Over&Over con una rivisitazione più moderna e total black . 

Originalità nelle forme delle creazioni anche da Bellucci Gioielli in Bronzo/Argento con richiami al mondo atzeco . In particolare mi ha colpito molto il racconto dell’artigiana che ci ha parlato del suo primo lavoro realizzato utilizzando come calco una stella ricavata da un “osso di seppia” come le aveva insegnato il padre…ed è stato bello notare l’evoluzione di queste sue creazioni e la produzione tradizionale che racchiudono.

Sono rimasta molto colpita anche dalle collezioni di alta bigiotteria Thomas Ayers per il bellissimo connubio tra architettura e gioielli con le collezioni Arabesque, Phoenix e Flower Romance , ispirate rispettivamente dagli elementi architettonici Medio Orientali, dallo stile Romanico e dall’architettura Toscana. 

….e chi conosce la mia passione per le principesse può immaginarsi quanto sia stata colpita dalla splendida coroncina realizzata da Thomas Ayers per incoronare Miss Livorno (che ho anche provato 😍❤)

Talvolta l’originalità di una creazione può derivare non dalla forma della stessa ma dal suo funzionamento…così come accade per i bracciali  Testa Cuore che prendono questo nome per la possibilità di far ruotare il loro charm e farlo diventare il simbolo diametralmente opposto (come appunto sono “testa” e “cuore”)

e così anche per i gioielli presentati da “perchè no ” che offre collane, anelli e bracciali che possono mutare in base alle esigenze di chi li indossa.

Ma originalità si ritrova anche nella modalità di realizzazione di un prodotto così come le splendide stole di Mishy Gregori che sono create stampando delle foto della stilista direttamente sulla stola per creare delle fantasie veramente uniche.

…ed originalità, anche per quanto riguarda i materiali utilizzati in modo diverso rispetto al solito come:

– le splendidie borse Cleò realizzate con il sughero, 

– le borse di 71 C Atelier Bag  con la paglia di Vienna  (spesso usata  per fare sedie) 

  – le  “Borse Tessute” realizzate con applicazioni di originali tappeti sardi 

Un grazie particolare agli organizzatori di questo splendido evento per avermi dato l’opportunitá di conoscere le creazioni ed i prodotti più da vicino in compagnia delle altre blogger con cui ho avuto il piacere confrontarmi per la scelta della vincitrice e un grazie particolare agli sponsor per gli omaggi che abbiamo ricevuto!!! 

 

A presto con il mio prossimo articolo sulla mia esperienza al Fashion in Flair nella splendida location di Villa Bottini!!!!! 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...